Dieci consigli di comunicazione per vegani, nuovi e non

This post is also available in: enEnglish

 

È importante difendere quello in cui crediamo. Coinvolgere altre persone cosicché seguano il nostro esempio ha un grande valore. Talvolta, tuttavia, rischiamo di farlo in maniera *troppo* appassionata. Specialmente i nuovi vegani tendono a sostenere il 24/7, spesso con modi che non sono completamente producenti. Qui di seguito alcuni consigli non solo per evitare quella che viene talvolta definita “nuova veganite”, ma anche per sostenere la filosofia vegana in maniera corretta fin dall’inizio!

1. Sii aperto mentalmente
Hai smesso di mangiare prodotti di origine animale, ma, per favore, non smettere di pensare. Il nostro movimento non è ancora riuscito a comprendere tutto. Possiamo ancora migliorare, approfondire la nostra conoscenza, diventare più saggi ed efficaci. Tieni presente che essere vegani non è il punto di arrivo, ma che puoi e dovresti crescere ed evolvere ancora e che lo farai.

2. Non permettere alle tue emozioni di accecarti
Lo capisco: hai scoperto la verità su quello che accade agli animali, hai smesso di mangiare prodotti di origine animale e sei piuttosto arrabbiato che un tale abuso continui. Come mai gli altri non smettono di fare quello che tu hai smesso di fare? Se ti spazientisci con loro, cerca di renderti conto che la tua transizione non è avvenuta da un giorno all’altro: quello che ti ha finalmente spinto a diventare vegano è stato probabilmente l’ultimo fatto o l’ultima informazione di tutta una lunga serie nel corso di molti anni.

vegan advocacy

3. Sii modesto
Hai appena abbracciato questa filosofia di vita. Sebbene non sia scontato che i vegani da più lungo tempo siano diventati migliori e più saggi, essi hanno accumulato maggior esperienza nel rapportarsi e nel parlare alle persone della tematica in un mondo che vegano non è. Forse sono diventati più delicati e moderati. Ma non li giudicare: questo non li rende dei traditori.

4. Ricorda che il veganismo non è un fine in se stesso
Essere vegani significa ridurre la sofferenza. Tieni sempre a mente questo obiettivo di fondo. Giudica quello che fai non secondo la domanda “è vegano?” ma “questo diminuisce la sofferenza?”

5. Cerca persone che la pensano come te…
Far parte di una community vegana online oppure offline può aiutare moltissimo, soprattutto all’inizio. Cerca supporto dagli altri, cerca risposte alle tue domande, e rilassati in presenza di persone che non devi convincere di nulla o con le quali non devi difendere il tuo stile di vita.

6. … Ma esci anche dalla bolla
Sebbene far parte di una community vegana possa aiutare, si corre il pericolo di ritrovarsi in un circolo chiuso. Continua a parlare con persone che non sono arrivate al punto in cui ti trovi tu. Non semplicemente per influenzarle, ma per capirle e imparare da loro.

7. Non esagerare con le argomentazioni vegane
Ad alcuni sostenitori piace dire agli altri che il veganismo risolverà tutti i problemi del mondo. Non crederci. Da molti punti di vista, è certamente una grande cosa da fare, ma non è una panacea. L’esagerazione non aiuterà la nostra causa e renderà più scettica la persona più ingenua.

8. Non cercare di essere perfetto
Se sei vegano per il 99%, sei vegano (per lo meno, ai miei occhi). Puoi ambire al 100 o persino al 110%, ma c’è solo un piccolo beneficio extra (e potrebbe anche essere controproducente). Non ti sentire in colpa se non raggiungi il 100%. Se invece ce la fai, non disdegnare chi non ce la fa.

9. Concentrati sul cibo
Argomenti e discussioni hanno un limite. Specialmente gli argomenti morali possono causare molta resistenza. Il cibo rappresenta una via eccezionale per influenzare gli altri senza farli sentire minacciati. Porta le persone a un ristorante, cucina per loro, dai loro degli assaggi… Ambisci a far vivere loro importanti esperienze gastronomiche e tutto il resto sarà molto più facile.

10. Sii amichevole e positivo
Rabbia, frustrazione e impazienza non faranno altro che alienare e allontanare le persone. Sii una persona carina e facile da avvicinare. È meglio per te come anche per loro. Credi nelle persone, nel fatto che la maggior parte di loro ci tengano. E abbi un po’ di fede che tutti sono capaci di vedere la luce.

Rispondi