E se la vera spinta verso un mondo vegano non arrivasse dai vegani?

This post is also available in: enEnglish frFrançais

Sabato scorso ho partecipato a una conferenza tenuta da Jaap Korteweg, imprenditore-agricoltore danese che ha fondato Vegetarian Butcher (Vegetarische Slager) nei Paesi Bassi. Quello che è nato come un piccolo, ben pubblicizzato negozio è ora una linea di prodotti vegetariani/vegani importante, con centinaia di punti vendita nei Paesi Bassi e che avrà presto una vera e propria fabbrica. I prodotti di Vegetarian Butcher hanno vinto numerosi premi e la loro storia ha suscitato l’attenzione dei media di tutto il mondo.

Dopo di lui, ho ascoltato Mark Post, pioniere della carne coltivata in vitro, anche lui originario dei Paesi Bassi. Post è il ricercatore che tre anni fa ha presentato ai media londinesi il primo burger di carne coltivata in laboratorio, che è stata una delle più grosse storie sulla carne e i suoi problemi nella storia di questo movimento.

Mark Post
Mark Post

Adesso. Né Korteweg né Post sono vegani e lo stesso vale per i loro investitori. L’ispiratore e finanziatore iniziale della ricerca di Mark Post, Willem Van Eelen, deceduto da poco, non era nemmeno vegetariano. E, per quanto ne so, non lo è neppure Sergey Brinn di Google, che ha donato a Mark Post $700.000.

Alcuni tra i più grandi propagatori della rivoluzione vegana, persone con un grosso impatto – o potenziale impatto futuro – non sono vegani, né credono necessariamente ai diritti animali. È importante capirlo per diverse ragioni.

Innanzitutto può aiutare noi vegani a rimanere coi piedi per terra. Potremmo pensare che quando finalmente il mondo diventerà un posto migliore per gli animali, sarà grazie al nostro duro lavoro e alla nostra etica. Ciò è vero solo in parte.

Inoltre, ci può far capire quanto siano relative le nostre differenze di opinione, le nostre ideologie, il nostro filosofeggiare e teorizzare su quelli che, da una prospettiva più ampia, sono spesso dettagli.

Al di sopra di tutto questo – e dovrebbe essere ovvio, ma ovviamente non lo è – dovrebbe farci capire che dovremmo accogliere chiunque in questo movimento, vegano o no.

I vegani da soli non vinceranno questa battaglia: è davvero troppo grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *